Investire è un’azione complessa, comporta opportunità ma anche rischi. Richiede una conoscenza base e aggiornamenti continui nonché l’interazione con consulenti e soggetti intermediari, che devono essere della massima affidabilità. Esistono strumenti interessanti anche per coloro che non dispongono di un elevato capitale iniziale da investire, ma vogliono costruirlo nel tempo, accantonando una parte dei propri introiti. 

Fa un certo effetto rileggere oggi quanto affermato tre anni fa da Marco Jacobini, Presidente della Popolare di Bari: “quando il socio ha bisogno di monetizzare, la banca deve essere pronta”. Proprio da allora, infatti, la quotazione teorica delle azioni dell’Istituto Bancario pugliese, feudo della Famiglia Jacobini, non solo ha subito un ribasso del 75% circa

Come Autorità di Vigilanza, la Banca d’Italia emana periodicamente orientamenti agli intermediari, affinché si persegua una sana e prudente gestione finanziaria. Questi orientamenti non hanno valore regolamentare, ma forniscono importanti indicazioni su comportamenti e prassi considerati conformi alle norme. 

Una storia infinita quella di CARIGE, che negli ultimi mesi ha navigato in piena burrasca, tra dimissioni, scontri fra soci, assemblee inconcludenti quanto battagliere, aumenti di capitale e authority varie di vigilanza. In tutto questo, la tutela dei risparmiatori, la stabilità finanziaria e i diritti dei correntisti, hanno assunto un ruolo secondario, da scenario di una vicenda tristemente simile a qualche telenovela in cui i protagonisti si sbranano per soldi e potere.

Ci fermiamo per una breve sosta a  Shakhrisabz (la città verde) un po’ stanchi e accaldati, ma ciò che si presenta ai nostri occhi è uno spettacolo di tale maestosità da cancellare ogni traccia di stanchezza. I resti imponenti dell’antico palazzo Ak-saray, voluto da Amir Temur il Tamerlano, lasciano intuire le dimensioni ciclopiche della costruzione, che doveva avere un portale dell’altezza di 50 metri e le torri minareto dalla base diagonale.

La recente ordinanza n. 15749/2018 della Corte di Cassazione chiarisce in modo inequivocabile il valore sostanziale dell’informazione al paziente. Prendendo spunto da un caso di ricorso di eredi di un paziente deceduto, ricorso peraltro respinto per carenza probatoria delle circostanze di fatto, la Suprema Corte esamina approfonditamente i casi in cui l’omessa informazione,

I mutui viziati da usura sono molto più diffusi di quanto non si pensi. Sono in aumento, infatti, i clienti di Istituti Bancari che, a seguito di un approfondimento analitico da parte di esperti sul proprio contratto di mutuo, scoprono anomalie gravi, con interessi applicati superiori a quelli consentiti dalla Legge.

Lasciamo Khiva, dopo un’ottima e abbondante prima colazione, per dirigerci all’aeroporto di Urgench e imbarcarci sul volo interno, di un’ora circa, per Bukhara. Qui il clima è decisamente più caldo, con una temperatura che sfiora i 40 gradi e senza il sollievo del piacevole venticello di cui avevamo goduto a Khiva.

“La fede è, tutto sommato, un salto nel buio.”  Quale sia stato questo salto per Suor Stella lo troviamo indicato nella sua autobiografia “Diversamente suora”, edita da Luoghi Interiori, con la prefazione di Osvaldo Bevilacqua.

Dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, tra gli stati che la componevano c’erano anche cinque repubbliche dell’Asia centrale che all’inizio degli anni Novanta hanno autoproclamato la propria indipendenza. Si tratta del Turkmenistan, Kazakistan, Tagikistan, Kirghisistan e Uzbekistan.

Sono circa 30.600 i ricorsi presentati nel 2017 all’Arbitro Bancario e Finanziario (ABF), con un aumento del 42% rispetto all’anno precedente.   L’ABF è il sistema stragiudiziale di risoluzione delle controversie bancarie indipendente, istituito presso la Banca d’Italia. Nella relazione annuale si legge anche che nei primi tre mesi del 2018, con circa 8.000 ricorsi ricevuti, si registra una sostanziale stabilità rispetto al 2017.

Dissensi, divergenze e dimissioni, un vero e proprio terremoto ai vertici che nei giorni scorsi ha visto il titolo di Carige affondare, cedendo circa il 3%, con azioni quotate a 0,0077 euro. I motivi di dissenso all’origine delle dimissioni sia del Presidente Giuseppe Tesauro che del consigliere indipendente del C.d.A. Stefano Lunardi, dimissioni presentate entrambe tra il 26 e il 27 giugno,  sono gli stessi e si sintetizzano in queste frasi dei dimissionari: